ERA DE MAGGIO

 

 

Era de maggio e te cadeano 'nzino,

A schiocche a schiocche, li ccerase rosse.

Fresca era ll'aria e tutto lu ciardino

Addurava de rrose a ciento passe.

Era de maggio; io, no, nun mme ne scordo,

'Na canzona cantavamo a ddoje vvoce!

Cchi tiempo passa e cchi mme n'allicordo

Fresca era ll'aria e la canzona doce.

E diceva: "Core, core!

Core mio, luntano vaje!

Tu mme lasse, io conto ll'ore.

Chis quanno turnarraje!"

Rispunnev'io: "Turnarraggio

Quanno tornano li rrose.

Si 'stu sciore torna a maggio,

Pur' a maggio io stongo cc!

Si 'stu sciore torna a maggio,

Pur' a maggio io stongo cc!"

E s turnato e mo, comm'a 'na vota,

Cantammo 'nzieme la canzona antica.

Passa lu tiempo e lu munno s'avota,

Ma 'ammore vero, no, nun vota viche!

De te, bellezza mia, mm'annammuraje,

Si t'allicuorde, 'nnanz'a la funtana.

Ll'acqua, ll dinto, nun se secca maje

E ferita d'ammore nun se sana!

Nun se sana, ca sanata

Si se fosse, gioja mia,

'Mmiez'a 'st'aria 'mbarzamata,

A guardarte io nun starria!

E te dico: "Core, core,

Core mio, turnato io s!

Torna maggio e torna 'ammore.

Fa' de me chello che vu!

Torna maggio e torna a me.

Fa' de me chello che vu!"