FENESTA CHE LUCIVE

 

 

Fenesta che lucive e mo nun luce,

Sign' ca nenna mia stace ammalata.

S'affaccia la sorella e mme lu dice:

"Nennella toja morta e s' atterrata.

Chiagneva sempe ca durmeva sola,

Mo dorme co' li muorte accompagnata".

"Cara sorella mia, che me dicite?

Cara sorella mia, che me contate?"

"Guardate 'ncielo si nun me credite!

Purz li stelle stanno appassiunate.

morta nenna vosta, ah, s, chiagnite!

Ca quanto v'aggio ditto beritate!

Va' nella cchiesa e scuopre lu tavuto!

Vide nennella toja comm' tornata!"

Da chella vocca ca n'asceano sciure,

Mo n'esceno li vierme. Oh, che piatate!

Z parrocchiano mio, abbece cura:

'Na lampa sempe tienece allummata!

Ah! Nenna mia, s morta, puvurella!

Chill'uocchie chiuse nun l'arape maje!

Ma ancora all'uocchie mieje tu para bella

Ca sempe t'aggio amata e mmo cchi assaje!

Potesse a lo mmacaro mor priesto

E m'atterrasse a lato a tte, nennella!

Addio fenesta, restate 'nzerrata,

Ca nenna mia mo nun se p affacciare!

Io cchi nun passarraggio pe' 'sta strata.

Vaco a lo camposanto a passiare.

'Nzino a lo juorno ca la morte 'ngrata

Mme face nenna mia ire a trovare.