FENESTA VASCIA

 

 

Fenesta vascia 'e padrona crudele,

Quanta sospire mm'haje fatto jettare!

Mm'arde 'sto core comm'a 'na cannela,

Bella, quanno te sento annommenare!

Oje piglia la sperienza de la neve!

La neve fredda e se fa maniare.

E tu comme s tant'aspra e crudele?

Muorto mme vide e non mme vu ajutare?

Vorria arreventare 'no picciotto,

Co 'na langella a ghire vennenn'acqua,

Pe' mme nne j da chiste palazzuotte:

Belle ffemmene meje! Ah! Chi v acqua?

Se vota 'na nennella da ll 'ncoppa:

"Chi 'sto ninno ca va vennenno acqua?"

E io responno co parole accorte:

"S lagreme d'ammore e non acqua!"